fbpx
Il CTR medio in prima posizione su Google è del 28,5% - Studio lo dimostra 1

Il CTR medio in prima posizione su Google è del 28,5% – Studio lo dimostra

Qual’è la percentuale di click media (CTR) per i posizionamenti organici in Google?

E’ una delle domande che ogni SEO e imprenditore digitale si pone quando inizia una campagna SEO.

Il CTR di Google (detto anche Click Through Rate o percentuale di click) mostra la percentuale di utenti che clicca su un dato risultato nelle pagine di ricerca di Google.

Una volta raggiunta la vetta della SERP quante persone cliccheranno sul mio contenuto rispetto alla mia concorrenza.

Su questa domanda si è sviluppato una portentosa analisi di ricerca condotta da Sistrix.

Vediamo i punti salienti della ricerca.

Come gli utenti interagiscono con le SERP

Lo studio è stato condotto su 80 milioni di keyword e miliardi di risultati di ricerca per comprendere meglio il click rate all’interno delle pagine dei risultati di Google.

Il primo risultato organico in Ricerca Google ha una percentuale di clic media del 28,5%, secondo lo studio.

Il CTR medio cala nettamente dopo la prima posizione, con la seconda e la terza posizione con una percentuale di clic rispettivamente del 15% e dell’11%.

Non sorprende che la decima posizione in Google abbia un’incredibile percentuale di clic del 2,5%.

Google CTR per Ranking
Fonte sistrix.it

Lo studio dimostra come il posizionamento dei propri contenuti in SERP aumenti notevolmente il traffico organico.

Ad esempio, un risultato in prima posizione genererà in media tre volte più clic rispetto a un risultato in posizione terza.

Un risultato nella posizione n. 1 guadagna un CTR oltre dieci volte superiore a una classifica nella posizione n. 10.

I risultati sulla seconda pagina di Google hanno un CTR inferiore all’1% per ogni posizione.

Come cambia il CTR rispetto alla composizione della SERP?

Secondo lo studio ci sono molti fattori che influenzano questa percentuale.

La principale è il layout della SERP e la sua composizione.

Come è noto i Rich Snippet hanno modificato la SERP per milioni di parole chiave.

L’intento di ricerca e l’intelligenza artificiale ha modificato negli ultimi anni il rapporto tra utente e motore di Ricerca.

Come rileva lo studio:

La tua percentuale di click reale potrebbe apparire totalmente diversa, a seconda dell’ambiente della keyword e del settore in si opera.

Nell’analisi è stata effettuata un ulteriore passo avanti, valutando il CTR dei diversi layout delle pagine dei risultati.

Con “Layout della SERP” si intende la composizione concreta di una pagina dei risultati di Google (SERP), composta in gran parte dai classici risultati organici, ma sempre più ricca anche di box e integrazioni.

La maggior parte delle query genererà il tradizionale layout SERP a 10 risultati, alcune query generano altri tipi di layout.

Tutti i dati a cui si fa riferimento finora si riferiscono a posizioni all’interno del layout dei 10 collegamenti classici.

Classica SERP Google

Ecco informazioni su altri tipi di layout SERP e sui rispettivi CTR.

SERP con sitelink

Un risultato nella posizione n. 1 con estensione site link raggiungerà un CTR del 46,9%.

Risultato SERP con Sitelink

Ciò è probabilmente dovuto al fatto che i site link vengono mostrati da Google quando viene cercato un sito Web specifico.

Di solito su parole chiave con intenzione di ricerca navigazionali.

Quindi ha senso che la prima posizione di una SERP con sitelink riceva quasi la metà di tutti i clic.

Google CTR SERP con sitelink
Fonte sistrix.it

SERP con Snippet in primo piano

Le SERP con Featured Snippets in primo piano hanno una percentuale di clic inferiore del 5,3% rispetto alla media.

Risultato SERP Snippet in primo piano

Lo studio afferma che non vi è alcun vantaggio in una pagina Web che mostra uno snippet in primo piano nei risultati di ricerca.

In effetti, le posizioni n. 2 e n. 3 hanno una percentuale di clic superiore alla media quando il primo risultato restituisce uno snippet in primo piano.

 

Il CTR medio in prima posizione su Google è del 28,5% - Studio lo dimostra 2
Fonte sistrix.it

SERP con Pannello di Conoscenza

Le SERP con pannelli di conoscenza ottengono un successo anche nel CTR, con la prima posizione che riceve solo il 16% dei clic anziché il 28%.

Pannello Conoscenza Google SERP

Mentre su desktop il Knowledge Panel si trova a destra delle SERP, nelle ricerche mobile tale elemento si trova in prima posizione. Questo si riflette nella percentuale di click.

Google CTR Knowledge Panel Panello Conoscenza

SERP con Google Ads

La percentuale di clic scende al di sotto della media per tutte le posizioni quando la parte superiore della SERP è piena di annunci Google.

Risultato di ricerca Google ADS

Tuttavia, il layout di Google Ads influisce sui risultati organici in misura minore rispetto al layout del pannello delle conoscenze.

Google Ads riduce il CTR di 10 punti percentuali, rispetto alla riduzione di 12 punti per le SERP con i pannelli di conoscenza.

Il CTR medio in prima posizione su Google è del 28,5% - Studio lo dimostra 3

Per avere uno sguardo completo su come ogni layout SERP di Google influisce sul CTR, vedere lo studio completo qui.

Riassunto dell’analisi

  • La percentuale di click media (CTR) del primo posizionamento organico di Google è del 28,5%;
  • Subito dopo il CTR diminuisce drasticamente: il secondo risultato organico ha il 15,7%, il terzo l’11,0%;
  • Gli utenti che cliccano sul decimo risultato organico sono in media solo il 2,5%;
  • I CTR globali relativi a tutti i tipi di ricerca risultano però meno significativi: a seconda dell’intento di ricerca e del layout della SERP il CTR in posizione 1 può oscillare dal 13,7% al 46,9%;
  • I risultati che possiedono anche dei Sitelink hanno un CTR molto più alto rispetto ai risultati organici classici (46,9% contro un 34,2%);
  • La percentuale di click minore è quella dei risultati commerciali dove appaiono Google Shopping (13,7%) o Google Ads (18,8%);
  • Anche i Featured Snippet (23,3%) e le integrazioni Knowledge Panel (16,7%) riducono i click organici su Google;
  • In generale si può concludere che più elementi e integrazioni differenti appaiono nelle SERP, minore sarà il CTR dei risultati organici;
  • Per i SEO questo significa che l’intento di ricerca di una keyword determina il layout della SERP, che a sua volta determina quanti click organici è possibile ottenere: il volume di ricerca della parola chiave non è quindi più l’unico fattore determinante.

Potresti essere interessato ad approfondire questo tema con i nostri articoli su:

Google: scopri l’intenzioni di ricerca guida completa 2019

Rich Snippet: cosa sono e come migliorano il SEO

Primi su Google ha ancora un significato nel 2018?

 

 

 

Simone Stoppioni
Latest posts by Simone Stoppioni (see all)

Chi sono Simone Stoppioni

Content Creator e Consulente SEO. Vive a Fuerteventura (Isole Canarie - Spagna) dove ha fondato la Confucionet. Svolge consulenza ad aziende Italiane e Spagnole curandone la loro presenza On-line.