fbpx
Le fotografie che hanno fatto la Storia

Le fotografie che hanno fatto la Storia

Un viaggio nel tempo della fotografia attraverso questa raccolta di fotografie che hanno fatto la storia.

Le immagini che hanno segnato gli eventi più importanti nel nostro mondo, i ricordi di ciò che non vogliamo che accada di nuovo

Grazie a quei fotografi che hanno catturato il momento, conserviamo questi file che saranno contrassegnati per i posteri.

La storia dell’umanità è piena di momenti incredibili, molti dei quali catturati dall’obiettivo di alcuni fotografi di realizzare immagini iconiche che ancora oggi ci sorprendono.

Guardare indietro e contemplare gli eventi passati è un esercizio necessario da cui dobbiamo imparare, poiché purtroppo il passato tende a ripetersi più di quanto vorremmo.

Man Jumping the Puddle 1930 – Henri Cartier-Bresson

Man Jumping the Puddle 1930
Man Jumping the Puddle 1930

Cartier Bresson ha catturato una scena attraverso una recinzione dietro la stazione ferroviaria di Saint-Lazare a Parigi.

Quest a immagine divenne l’esempio perfetto di ciò che Cartier-Bresson chiamava “ il momento decisivo”

Il fotografo francese è spesso indicato come il padre del fotogiornalismo moderno.

Ha coniato il termine “Il momento decisivo” per riferirsi a un momento in cui il fotografo cattura un secondo fugace  immortalandolo nel tempo.

“Sono rimasto incantato per un po ‘. Ho visto forme legate l’una all’altra: un’immagine di forme e, alla base, una nuova visione che mi ha tenuto”.

The Steerage – Alfred Stieglitz

The Steerage - Alfred Stieglitz
The Steerage

Uno dei fotografi più famosi dell’inizio del XX secolo, Stieglitz ha combattuto affinché la fotografia fosse presa sul serio come la pittura come una valida forma d’arte.

“Sono rimasto incantato per un po ‘. Ho visto forme legate l’una all’altra: un’immagine di forme e, alla base, una nuova visione che mi ha tenuto. “

Il suo lavoro pionieristico ha contribuito a cambiare il modo in cui molti hanno visto la fotografia.

Le sue gallerie di New York presentavano molti dei migliori fotografi del tempo.

La sua immagine iconica “The Steerage” non solo racchiude in sé ciò che chiamava fotografia retta, offrendo una visione veritiera del mondo.

Ci dà anche un punto di vista più complesso e multistrato che trasmette l’astrazione attraverso le forme nell’immagine.

E come queste forme si relazionano l’una con l’altra.

Woman Falling From Fire Escape 1975 – Stanley Forman

Le fotografie che hanno fatto la Storia 1
Woman Falling From Fire Escape 1975

Forman era un noto fotografo che lavorava per il Boston Herald quando assisteva alla scena di un incendio.

Ciò che è iniziato mentre documentava il salvataggio di una giovane donna e un bambino ha subito preso una svolta quando la scala antincendio è crollata.

La coppia ha iniziato a cadere e ha continuato a sparare mentre stavano cadendo.

Li cattura mentre nuotano nell’aria.

Forman ha solo abbassato la macchina fotografica e si è girato all’ultimo momento quando ha capito che stava assistendo a una donna che stava precipitando alla sua morte.

Questa famosa fotografia ha vinto Forman un premio Pulitzer.

Ma la sua eredità interessante sono le domande etiche sollevate su quando un fotografo dovrebbe smettere di scattare e se è appropriato pubblicare immagini inquietanti.

Ha inoltre indotto molti comuni ad applicare codici di sicurezza antincendio più severi, quindi decidete voi.

Starving Child and Vulture – Kevin Carter

Starving Child and Vulture - Kevin Carter
Starving Child and Vulture

Questa immagine è un’altra immagine vincitrice del premio Pulitzer.

Famoso per il suo impatto sociale, così come le questioni etiche che ha sollevato.

Nel 1993 il fotoreporter sudafricano Kevin Carter si recò in Sudan per fotografare la carestia.

La sua immagine di un bambino collassato, con un avvoltoio che la perseguita, non solo ha causato indignazione pubblica a causa del soggetto orribile.

Ha anche suscitato molte critiche nei confronti del fotografo, per aver fotografato la bambina, piuttosto che aiutarla.

Quel giorno e l’assalto che seguì continuò a perseguitare Carter fino a quando non si tolse la vita nel 1994 .

Per la cronaca, apparentemente la madre era proprio accanto alla scena e il bambino non ha mai rischiato di essere attaccato dall’uccello.

Si noti che è stato anche girato con un teleobiettivo più lungo che rende una scena più compressa, facendo apparire l’uccello più vicino al bambino della realtà.

Esecuzione di Saigon 1968 – Eddie Adams

Esecuzione di Saigon 1968 - Eddie Adams
Esecuzione di Saigon 1968

Vincitore del premio Pulitzer, Eddie Adams credendo di assistere a un’esecuzione di routine di un prigioniero. Guardò attraverso il mirino della sua macchina fotografica, per catturare la scena.

Ma quello che ha catturato è stato l’assassinio casuale del prigioniero.

Questa foto iconica divenne una delle immagini più potenti della guerra del Vietnam.

Ha aiutato ad alimentare il movimento contro la guerra e a porre fine al coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra perché ha dato vita a una visione orribile, l’entità della violenza che si sta verificando.

The terror of war 1972 – Nick Ut

The terror of war 1972 - Nick Ut
The terror of war 1972

“L’orrore della guerra del Vietnam da me registrato non poteva essere riparato.”

25 miglia a nord-ovest di Saigon, il fotografo di guerra Nick Ut, ha catturato una delle immagini più strazianti della storia della guerra del Vietnam.

Più spesso, non si vedono i volti di coloro che soffrono per il danno collaterale della guerra.

Ma l’immagine straziante della bambina di 9 anni Phan Thi Kim Phuc ha costretto il mondo a vedere l’atrocità della guerra.

Vittima di una bomba al napalm caduta per errore, è stata successivamente aiutata e ha ricevuto un trattamento salvavita.

Al momento della pubblicazione nel 1972, molti giornali hanno dovuto allentare le loro politiche sulla nudità.

L’immagine rimane controversa fino ad oggi, recentemente è stata brevemente rimossa da Facebook per le stesse ragioni.

Nick Ut ha vinto un premio Pulitzer per questa famosa immagine nel 1973.

Gandhi and the Spinning Wheel 1946 – Margaret Bourke – White

Le fotografie che hanno fatto la Storia 2
Gandhi and the Spinning Wheel 1946

Nel 1946 Margaret Bourke-White, la prima fotografa femminile della rivista LIFE, ricevette una rara opportunità di fotografare Mahatma Gandhi.

Questa opportunità da sogno si è rapidamente trasformata in un incubo.

E’ il ritratto distintivo di una delle figure più influenti del XX secolo.

Gandhi era nel suo giorno del silenzio.

E poiché detestava la luce intensa, a Bourke-White era permesso usare solo tre lampadine.

Anche l’umido clima indiano ha devastato la sua attrezzatura fotografica.

Cercò di scattare la foto senza flash, ma la luminosa giornata indiana la ostacolò ulteriormente.

Quando finalmente arrivò il momento di fotografare, la prima lampadina di Bourke-White fallì.

Il secondo scatto funzionò, si rese conto di aver dimenticato di tirare la diapositiva, rendendola vuota.

Pensava che fosse finita, ma per fortuna, il terzo tentativo ebbe successo.

Alla fine, ha realizzato un’immagine che è diventata la rappresentazione più profonda di Gandhi. 

Questa immagine iconica di Gandhi alla sua ruota che gira è stata catturata meno di due anni prima del suo assassinio.

Cotton Mill Girl 1908 – Lewis Hine

Cotton Mill Girl 1908 - Lewis Hine
Cotton Mill Girl 1908

Istituito nel 1904, il National Child Labour Committee esisteva per lottare per i diritti dei bambini lavoratori negli Stati Uniti.

Si sono resi conto che lo strumento più potente che avevano era quello di mostrare il vero volto di questi bambini.

Credevano che vedere queste immagini del lavoro minorile avrebbe risvegliato i cittadini per chiedere il cambiamento.

Quando Lewis Hine, un fotografo investigativo, si imbatté in Sadie Pfeifer, uno dei bambini più piccoli al lavoro.

Sapeva di avere uno scatto che avrebbe cambiato il punto di vista della gente.

Questa fotografia insieme ad altri è stata una parte cruciale della campagna che ha portato a un cambiamento nella legislazione.

Il risultato è stato una riduzione del 50% del numero di lavoratori minorenni in un periodo di 10 anni.

L’iconico VJ Day a Times Square – Alfred Eisenstaedt

L’iconico VJ Day a Times Square - Alfred Eisenstaedt
L’iconico VJ Day a Times Square

“La gente mi dice che quando io sarò in cielo mi ricorderanno per questa immagine.”

La missione di Alfred Eisenstaedt attraverso questa fotografia era di “trovare e cogliere il momento della narrazione”.

La sua famosa fotografia del soldato e dell’infermiera dentale è diventata una delle immagini più iconiche del 20 ° secolo, a significare la gioiosa fine di anni di guerra.

Carestia In Somalia 1992 – James Nachtwey

Carestia In Somalia 1992 - James Nachtwey
Carestia In Somalia 1992

Incapace di ottenere un incarico per documentare la carestia del 1992 in Somalia, il fotoreporter James Nachtwey decise di andare da solo.

Supportato a terra dalla Croce Rossa, Nachtwey catturò gli orrori della carestia.

Questa, la sua immagine più inquietante cattura una donna in una carriola in attesa di essere portata in un centro di alimentazione.

Dopo la pubblicazione delle sue immagini strazianti, la Croce Rossa ha ricevuto la più grande ondata di sostegno pubblico dalla seconda guerra mondiale e ha potuto salvare un milione e mezzo di persone.

Guerrillero Heroico 1960 – Alberto Korda

Guerrillero Heroico 1960 - Alberto Korda
Guerrillero Heroico 1960

L’immagine è stata battezzata dal suo autore come “Heroic Guerrilla” ed è considerata dalla critica come uno dei dieci migliori ritratti fotografici di tutti i tempi.

È anche, fino ad oggi, la fotografia più riprodotta della storia.

Korda catturò lo sguardo sereno e fermo di Ernesto Che Guevara, uno dei leader della Rivoluzione cubana, il 5 marzo 1960, mentre il guerrigliero assisteva alla processione funebre delle vittime di La Coubre, che morì a causa di un attacco esplosivo.

L’immagine fu pubblicata nel 1961 e divenne famosa nel 1968, dopo la morte del Che in Bolivia, quando l’editore italiano Giangiacomo Feltrinelli convertì molte delle fotografie di Korda in poster, tra cui ” Heroic Guerrilla “, per portarle in Europa e incoraggiare la lotta dei movimenti sociali del 1968 in quel continente, dove l’immagine fu catapultata.

L’impatto della fotografia è stato tale da diffondersi rapidamente in tutto il mondo, diventando un’icona della lotta dei poveri.

Korda rivelò che la foto fu scattata solo in un minuto e mezzo, perché la guerriglia era in quel momento con il resto dei suoi compagni, dietro Fidel Castro , e sbirciò fuori solo per un momento per vedere il funerale .

“Sono rimasto colpito dal suo sguardo di pura rabbia per le morti avvenute il giorno prima”, ha detto l’artista cubano, che non ha esitato a ritrarlo con la lente, due volte: una orizzontale e una verticale. Quello che decise di usare fu il primo, perché nel secondo la testa di qualcuno sporgeva da dietro la spalla del Che.

Madre migrante 1936 – Dorothea Lange

Madre migrante 1936 - Dorothea Lange
Madre migrante 1936

Su incarico per l’amministrazione del reinsediamento, Dorothea Lange fu incaricata di catturare la situazione delle persone più colpite dalla Grande Depressione nel 1936.

Lang ha incorniciato strettamente la 32enne Thompson e i suoi figli piccoli, attirando lo spettatore nel dolore ed estenuante inciso sul suo viso che appare invecchiato oltre i suoi anni.

Al suo ritorno, Lange, ora famosa fotografia, divenne l’immagine più iconica dei 160.000 scattati per documentare questo periodo disperato.

Il governo ha agito vedendo la sofferenza e ha inviato 20.000 libbre di cibo.

Il cavallo in movimento 1878 – Eadweard Muybridge

Il cavallo in movimento 1878 - Eadweard Muybridge
Il cavallo in movimento 1878

Intraprendere un’attività per scoprire se un cavallo vola durante il galoppo.

Il fotografo Eadweard Muybridge è stato incaricato dal governatore della California Leland Stanford di dimostrare la sua teoria.

Muybridge ha sviluppato una tecnica per catturare il cavallo usando un’esposizione che dura solo una frazione di secondo. Aveva 12 telecamere allineate che sono state innescate per fotografare in rapida successione dal cavallo al galoppo.

La serie di immagini catturate da Muybridge non ha solo dimostrato che un cavallo prende davvero il volo.

Hanno anche aperto la strada a un nuovo modo di usare la fotografia con altre tecnologie per catturare la verità.

Questo metodo ha aperto la strada allo sviluppo di animazioni e film.

Morte di un Miliziano 1936 – Robert Capa

Morte di un Miliziano 1936 - Robert Capa
Morte di un Miliziano 1936

L’immagine è stata presa senza che lui guardasse mai attraverso il mirino.

Catturata tenendo la fotocamera sopra la testa mentre nelle trincee questa immagine ha portato la fotografia di guerra a un livello diverso.

Poco dopo, i giornalisti iniziarono a essere formalmente incorporati nelle unità dell’esercito quando venne resa conto della loro importanza nel catturare e documentare gli orrori della guerra.

Raising the Flag on Iwo Jima 1945 – Joe Rosenthal

Raising the Flag on Iwo Jima 1945 - Joe Rosenthal
Raising the Flag on Iwo Jima 1945

Una delle foto di guerra più famose di sempre fu scattata il 23 febbraio 1945 da Joe Rosenthal, un fotografo di Associated Press che quel giorno si trovava sul monte Suribachi, sull’isola giapponese di Iwo Jima.

Rosenthal fotografò sei soldati dell’esercito americano issare una bandiera degli Stati Uniti sulla cima della montagna, e la foto diventò rapidamente un simbolo della Seconda guerra mondiale, e successivamente una delle immagini più iconiche di tutto il Novecento.

James Bradley, l’autore di famoso libro sulla storia della foto, Flags of Our Father, nel quale aveva raccontato di come suo padre fosse uno dei sei Marines che alzarono la bandiera, ha detto in un’intervista al New York Times che ora non crede che suo padre fosse veramente uno degli uomini ritratti nella foto.

Pochi giorni prima il Corpo dei Marines aveva annunciato di avere svolto un’indagine per stabilire se l’identificazione dei sei soldati fosse stata accurata.

La fotografia è famosissima e diffusissima, il libro di Bradley ha ispirato l’omonimo film di Clint Eastwood, ma fino dai primi giorni dopo la sua pubblicazione ci sono stati moltissimi dubbi sulla sua autenticità e sull’identità delle persone ritratte: qualcuno sostenne addirittura che fosse stata inscenata.

Lunch atop a skyscraper 1932 –  Charles C. Ebbets

Lunch atop a skyscraper 1932 - Charles C. Ebbets
Lunch atop a skyscraper 1932

Undici operai che consumano il pranzo seduti su una trave sospesa a 250 metri d’altezza…

Era il 1932 quando questa foto (oggi un “cult”) fu stampata sulle pagine del supplemento domenicale del New York Herald Tribune, diventando immagine iconica di un’epoca (la Grande Depressione), della città di New York, ma anche della straordinaria capacità di quegli uomini, nessuno dei quali mostra il minimo segno di disagio.

Sei appassionato di comunicazione visiva? Potrebbero i nostri articoli su:

Storia della Comunicazione Visiva

La storia della fotografia

Fotografi che hanno fatto la storia della fotografia

Veronica Avossa
Latest posts by Veronica Avossa (see all)

Chi sono Veronica Avossa

Appassionata d'arte fin dalla tenera età, frequenta studi artistici in diverse città italiane. Laureata all'Accademia di Belle Arti finisce il suo percorso artistico con un Master in Arts and Culture Management. La sua passione verso l'arte l'ha portata a visitare 4 continenti.