fbpx
Guida Completa Redirect 301 e 302 1

Guida Completa Redirect 301 e 302

Redirect 301 e 302 cosa sono e come usarli per migliorare la tua SEO?

In questa guida scoprirai

  • Che cos’è un reindirizzamento 301 e un 302
  • Quando e perché dovresti usarli
  • Come viene eseguito il reindirizzamenti 301 e il 302
  • Quali sono le insidie ​​da evitare?

E’ un elemento davvero importante per il posizionamento del tuo sito web sui motori di ricerca?

Quando si tratta di impostare reindirizzamenti 301 o 302, possono sorgere molte domande.

Il reindirizzamento 301 se usato a dovere può essere un ottimo modo per migliorare la SEO ma se lo usi male si trasformerà in un’arma di distruzione di massa per il posizionamento del tuo sito su Google.

In questa guida ti guiderò passo passo sul le varie tipologie di redirect 301 e 302, quando farlo correttamente e come farlo diventare un potente alleato per il tuo sito web

Che cos’è un redirect 301?

E’ un comando con il quale indirizziamo i visitatori da un indirizzo URL A ad un URL B.

Il redirect 301 mira a reindirizzare l’utente da una vecchia pagina a una nuova.

REDIRECT 301

Un reindirizzamento 301 è considerato permanente in modo tale da indicare che il vecchio URL non esiste più per qualche motivo e che la convalida è quella che abbiamo ora creato.

Quando dovrei usare un redirect 301?

Nella maggior parte dei casi eseguirai un reindirizzamento 301 per indicare a Google un’architettura adeguata negli URL per migliorare l’usabilità e il SEO.

Il redirect 301 è un reindirizzamento permanente.

301 reindirizzamenti devono essere utilizzati quando una pagina non è più pertinente, utile o è stata rimossa. 

Sono anche molto utili per le ricostruzioni dei siti, in cui gli URL vengono riordinati nelle pagine più recenti e più pulite.

È molto importante reindirizzare tutti i vecchi URL che non rimarranno gli stessi su una ricostruzione del tuo sito Web.

Casi d’uso:

  • Passaggio a un nuovo dominio
  • Pulizia degli URL dinamici e reindirizzandoli a versioni più brevi e compatibili con i motori di ricerca
  • Prevenire problemi di contenuto duplicato; ad esempio, se hai più blog scritti sullo stesso argomento e desideri aggregarli in un solo super post

Man mano che sposti contenuti da una pagina, è importante correggere eventuali collegamenti sul tuo sito che conducevano al vecchio URL per indirizzarli a quello nuovo.

Ma sfortunatamente, in molti casi, ciò non sarà sufficiente per impedire alle persone di inciampare di nuovo nella vecchia pagina.

In effetti, potrebbero esserci collegamenti da siti esterni che rimandano al tuo vecchio URL.

Puoi chiedere ai proprietari del sito di modificarli, ma ciò spesso richiede molto tempo, è improbabile che tutti i tuoi collegamenti vengano riparati.

È per questo motivo che è necessario impostare un reindirizzamento 301 che condurrà automaticamente gli utenti che arrivano sulla vecchia pagina a quella nuova.

Il reindirizzamento 301 è anche della massima importanza nel SEO del tuo sito, poiché indica ai motori di ricerca che i contenuti che hanno precedentemente indicizzato nel loro database sono stati spostati.

Sostituiranno quindi nel loro indice il vecchio URL della tua pagina con quello nuovo e trasmetteranno la popolarità dell’uno all’altro.

Qual è la differenza tra un reindirizzamento 301 e l’attributo rel = “canonical”?

Per chiarire un po ‘di confusione, affrontiamo la differenza tra un reindirizzamento 301 e l’attributo rel = “canonical”. 

L’attributo rel = “canonical” viene spesso utilizzato in modo errato come sostituto 301.

  • Un reindirizzamento  che invia l’utente direttamente alla nuova pagina
  • Mostra la nuova “Pagina B” quando si tenta di accedere alla vecchia “Pagina A”
  • L’attributo rel = “canonical” è un’indicazione o un suggerimento per il motore di ricerca su quale versione di un gruppo di pagine simili è preferita per l’indicizzazione, per evitare la duplicazione del contenuto
  • Mostra la “Pagina A che elenca i prodotti per prezzo” anziché “Pagina B che elenca i prodotti in ordine alfabetico”

Pertanto, il tag canonico che non è autoreferenziale deve essere utilizzato solo su pagine che mostrano contenuti identici o quasi identici ad altre pagine (pagine dinamiche con più URL per la stessa pagina, come in www.example.com/index. html dovrebbe avere un tag canonico che punta a www.esempio.com in quanto è esattamente la stessa pagina.).

I 301 dovrebbero essere usati solo quando una pagina viene rimossa, spostata o sostituita.

Redirect 301 o 302?

Se esiste un reindirizzamento permanente (il 301), esiste quindi necessariamente un reindirizzamento temporaneo: è il reindirizzamento 302.

Redirect 301 o 302

Quando si utilizza un reindirizzamento 302, si comunica al motore di ricerca che la pagina a cui si sta tentando di accedere non è più disponibile per ora, che tornerà presto e che nel frattempo deve andare su un’altra pagina.

Pertanto, Google manterrà entrambi gli URL nel suo indice e non passerà la popolarità alla nuova pagina.

Tuttavia, per l’utente ciò non cambierà nulla, perché in entrambi i casi non vedrà la vecchia pagina e verrà reindirizzato automaticamente a quella nuova.

Alla fine non ha senso usare un reindirizzamento 302, se non vi è un lavoro di manutenzione.

Personalmente, preferisco di gran lunga il reindirizzamento HTML (di cui parlerò un po ‘più avanti in questa guida), perché avrà lo stesso effetto su Google e consentirà all’utente di avvisare che la pagina che sta visitando è temporaneamente disabilitata,‘verrà automaticamente reindirizzato a una nuova pagina.

Il codice 302 indica che un reindirizzamento è temporaneo.

Uno degli aspetti che differenziano un reindirizzamento 301 da un 302 è che nel caso di quest’ultimo, non trasferisce la forza SEO.

302 reindirizzamenti sono, come ho detto, temporanei e il loro uso è di indicare per un certo periodo che l’URL A andrà a B ma quando l’ordine verrà rimosso tutto tornerà alla normalità e il “Page Rank” non verrebbe trasferito.

L’uso di un reindirizzamento 302 può essere utile nei seguenti casi :

  • Quando rileviamo un errore sul Web.
  • Mentre risolviamo il problema, possiamo reindirizzare l’utente a un’altra pagina simile che potrebbe essere di interesse per loro.
  • Se dobbiamo apportare modifiche importanti in tutto il Web, possiamo fare in modo che le attività di manutenzione subiscano le conseguenze minori utilizzando una pagina alternativa.
  • Per indirizzare gli utenti a determinati URL in date specifiche.

Ad esempio, puoi inviare utenti a una pagina con offerte a Natale o nella settimana del Black Friday.

Come eseguire un reindirizzamento 301?

Vi sono diversi modi per eseguire un reindirizzamento 301 con e senza plugin in un modo molto semplice.

Inizierò con i metodi più classici che sono la creazione di 301 reindirizzamenti in PHP e con htaccess.

Se questo ti sembra troppo complicato, vedrai che ci sono modi molto semplici per creare i tuoi reindirizzamenti tramite plugin per WordPress

Il reindirizzamento 301 in PHP

Ecco come appare il codice da aggiungere alla tua pagina per eseguire un reindirizzamento 301 in PHP:

REDIRECT 301 in PHP

Codice Redirect 301 con PHP

<?php
header("HTTP/1.1 301 Moved Permanently"); 
header("Location: http://www.miodominio.com/nuova_pagina.php"); 
?>

La prima riga dice al server che faremo un reindirizzamento 301.

Questa riga è necessaria, perché per impostazione predefinita la funzione “posizione intestazione” genera un reindirizzamento 302.

La seconda riga di codice indica il nuovo URL a cui verrà reindirizzato l’utente.

Nota che è importante definire sempre l’intestazione in PHP all’inizio del codice.

Altrimenti, potresti visualizzare del testo prima del caricamento dell’intestazione e otterrai il seguente errore:

Warning: Cannot modify header information – headers already sent by…. ”

È quindi necessario rivedere il codice per trovare dove visualizzare i caratteri (anche se è solo uno spazio) prima dell’intestazione.

Il reindirizzamento 301 in htaccess

Il vantaggio di creare i tuoi reindirizzamenti 301 in un file htaccess è che puoi avere tutti i reindirizzamenti in un unico posto.

REDIRECT 301 in htaccess

Avrai anche la possibilità di utilizzare le cosiddette espressioni regolari che ti permetteranno di creare regole di reindirizzamento per scrivere una serie di pagine in una singola riga di codice.

Normalmente, i reindirizzamenti sono argomenti “complicati”, soprattutto quando parliamo di 301 reindirizzamenti applicati al SEO, poiché un’impostazione errata in .htaccess può causare una penalità per i contenuti duplicati o un problema che è abbastanza difficile da risolvere se non ci si è abituati alla sintassi .htaccess.

Ti mostrerò in diversi modi come eseguire correttamente il redirect 301 in .htaccess per  casi completamente diversi, dovresti usare l’uno o l’altro a seconda delle circostanze.

Redirect 301 htacces per cambiamenti di Dominio

Nel caso di un cambio di dominio, di solito vogliamo mantenere la struttura dei collegamenti dopo il reindirizzamento , ovvero che gli URL vengano mantenuti : se il visitatore entra nel vecchio dominio / blog / come- creare-un-blog, lo prenderà per un 301 a domaindejemplonuevo.es/blog/como-crear-un-blog .


1 redirectMatch 301 ^(.*)$ http://www.miodominio.com$1

Questa sintassi crea un reindirizzamento perfetto da utilizzare nelle modifiche al dominio in cui si desidera mantenere la struttura del collegamento .

Redirect 301 htacces per tutto il Dominio

Se si desidera reindirizzare tutto il traffico che entra nel dominio nella directory principale o principale di un altro dominio, è necessario utilizzare una linea simile a quella del caso precedente, ma senza il carattere jolly alla fine:

 1 redirectMatch 301 ^(.*)$ http://miodominio.com 

Questo reindirizzamento viene solitamente utilizzato negli argomenti SEO quando si desidera trasferire l’intera forza di un dominio alla home page di un altro dominio , si tratta di un reindirizzamento che deve essere eseguito con attenzione, poiché se fatto in modo errato può avere effetti negativi sul SEO .

Redirect 301 htacces 301 da un url a un nuovo dominio

Questo caso è di solito il meno utilizzato, poiché è piuttosto specifico e viene usato raramente, si tratta di reindirizzare un URL all’interno del sito Web corrente a un altro dominio utilizzando la sintassi del file .htaccess .

 1 redirect 301 /blog/ http://miodominio.com/

Abbiamo utilizzato personalmente questo reindirizzamento quando vogliamo separare un blog integrato nell’URL principale in un sottodominio o in un dominio completamente diverso.

Redirect 301 htacces dominio senza “WWW”


RewriteEngine On
RewriteCond %{HTTP_HOST} !^miodominio\.com$ [NC]
RewriteRule ^(.*)$ http://miodominio.com/$1 [R=301,L] 

Redirect 301 htacces con “WWW”


RewriteEngine On
RewriteCond %{HTTP_HOST} !^www\.
RewriteRule ^(.*)$ http://www.%{HTTP_HOST}/$1 [R=301,L]

Redirect 301 htacces Da http a https

Se hai un sito web e hai appena installato il certificato SSL, è conveniente che l’intero sito web venga mostrato con https. Per questo devi includere nei tuoi htacces questa regola:


<IfModule mod_rewrite.c>
RewriteCond% {HTTPS} off
RewriteRule (. *) Https://www.miodominio.com/ $ 1 [R = 301, L, QSA]
</IfModule>

Se al contrario, il tuo sito web era sotto il protocollo https ma hai deciso di rimuoverlo, devi reindirizzare al tuo sito Web in versione http . Per fare ciò, inserisci:


<IfModule mod_rewrite.c>
RewriteCond% {HTTPS} su
RewriteRule (. *) Http://www.miodominio.com/ $ 1 [R = 301, L, QSA]
</IfModule>

Come eseguire un redirect 301 con WordPress?

Se sei allergico al codice, fortunatamente ci sono plugin che renderanno il tuo lavoro molto più semplice.

Di seguito ho creato un video per te in cui ti mostro come utilizzo il plug-in “Reindirizzamento” che puoi scaricare qui: Plug-in di reindirizzamento WordPress.

Dopo aver attivato il plug-in, tornare al menu verticale e cercare l’opzione “Impostazioni”.

In esso troverai l’opzione “Reindirizzamento SEO”:

Plug-in di reindirizzamento WordPress

Una volta scelta l’opzione, apparirà il pannello Reindirizzamento SEO.

Fai clic su “Aggiungi nuovo” per avviare il reindirizzamento.

Il plug in è molto semplice e alla portata di tutti

Redirect 301 in HTML

Ultimo ma non meno importante è Il reindirizzamento tramite il meta tag HTML viene eseguito utilizzando l’attributo “http-equiv”.

Redirect 301 in HTML

Pertanto, per configurare il reindirizzamento, è necessario creare un semplice file HTML con il tag corrispondente nell’intestazione della riga di comando.

Per informare i visitatori Web del reindirizzamento, è possibile creare un messaggio di testo nel documento HTML -p. ex. “Verrai reindirizzato automaticamente in pochi secondi ”.

Un semplice reindirizzamento di domini tramite il meta tag HTML “aggiorna” sarà simile al seguente:


<meta http-equiv="refresh" content="10; url=http://www.miodominio.com/">

Il meta tag “http-equiv” è responsabile della richiesta al client di reindirizzare il dominio. L’attributo content è definito di seguito.

Nel comando precedente, dopo 10 secondi, l’utente verrà reindirizzato all’URL di destinazione “www.miosito.com”.

Conclusione

Spero davvero che questa guida ti sia piaciuta.

Ora sai tutto quello che c’è da sapere su i redirect 301 e 302.

Ora vorrei apere da te:

Quale risultati hai ottenuto con il redirect?

O se hai trovato difficolta nella esecuzione di questi comandi di reindirizzamento.

Ad ogni modo, mi piacerebbe avere tue opinioni in merito.

Quindi vai avanti e lascia un commento qui sotto.

 

Simone Stoppioni
Latest posts by Simone Stoppioni (see all)

Chi sono Simone Stoppioni

Content Creator e Consulente SEO. Vive a Fuerteventura (Isole Canarie - Spagna) dove ha fondato la Confucionet. Svolge consulenza ad aziende Italiane e Spagnole curandone la loro presenza On-line.