fbpx
Google lanciata Web Vitals

Google lanciata Web Vitals

Google ha lanciato Web Vitals, uno strumento per proprietari e sviluppatori di pagine Web per verificare il corretto funzionamento degli elementi comuni delle pagine e la qualità dell’esperienza dell’utente durante la navigazione.

L’ottimizzazione per la qualità dell’esperienza dell’utente è la chiave per il successo a lungo termine di qualsiasi sito sul Web.

Che tu sia un imprenditore, un operatore di marketing o uno sviluppatore, Web Vitals può aiutarti a quantificare l’esperienza del tuo sito e identificare le opportunità per migliorare.

Cos’è Google Web Vitals

Da qualche tempo, l’esperienza dell’utente è diventata uno dei principali fattori di posizionamento per Google.

È possibile misurare la qualità dell’esperienza dell’utente durante la navigazione di una pagina Web, grazie al fatto che ci sono alcuni aspetti comuni a tutte le pagine, come la velocità di caricamento, la facilità di navigazione della pagina e la stabilità visiva.

Web Vitals misura quegli elementi comuni, chiamati “Core Web Vitals”.

Questo strumento è gratuito e disponibile in due formati: come estensione di Google Chrome e come libreria JavaScript installabile.

Per effettuare le misurazioni, Google utilizza un documento interno, chiamato “2020 Core Web Vitals” , in cui un numero viene assegnato in una scala a ciascuno di questi segni vitali, come si può vedere di seguito:

Questi “Core Web Vitals” o segnali fondamentali sono raggruppati nelle seguenti metriche:

Google lanciata Web Vitals 1

– LCP: misura la velocità di caricamento percepita e segna il punto sulla sequenza temporale di caricamento della pagina quando il contenuto principale è stato caricato. Molte pagine caricano prima il contenuto principale, in modo che l’utente possa interagire e, a poco a poco, caricano il resto.

– FID: misura la reattività e quantifica l’esperienza che gli utenti hanno quando provano a interagire con esso per la prima volta con il contenuto della pagina. Alcune pagine, una volta caricate, continuano a non rispondere, ad esempio, l’utente deve attendere alcuni secondi per fare clic su un collegamento o un’immagine, poiché non rispondono.

– CLS: misura la stabilità visiva e quantifica la quantità di modifiche impreviste al design del contenuto della pagina visibile. Ad esempio, quando l’utente, mentre la pagina continua a caricarsi, tenta di fare clic su un pulsante o collegamento, ma la pagina “si sposta” quando continua a caricare e finisce per fare clic altrove.

Oltre a questi segnali fondamentali, esistono metriche complementari che aiutano a catturare più esperienza dell’utente per migliorare la diagnosi di problemi specifici. Tuttavia, questi segnali non fanno parte della suite Core Web Vitals, poiché sono più arbitrari e non sono risultati centrati sull’utente, quindi è necessario utilizzare applicazioni di terze parti per misurare le loro prestazioni.

 

Consigli per migliorare i tuoi punteggi

Dopo aver misurato i Core Web Vitals e identificato le aree da migliorare, il passo successivo è l’ottimizzazione. Le seguenti guide offrono consigli specifici su come ottimizzare le tue pagine per ciascuno dei Core Web Vitals:

Che cos’è un buon punteggio LCP?

Per fornire una buona esperienza utente, i siti dovrebbero sforzarsi di fare in modo che si verifichi Largest Contentful Paint entro i primi 2,5 secondi della pagina che inizia a caricare. Per essere sicuro di raggiungere questo obiettivo per la maggior parte dei tuoi utenti, una buona soglia da misurare è il 75 ° percentile dei carichi di pagina, segmentato su dispositivi mobili e desktop.

Che cos’è un buon punteggio FID

First Input Delay (FID) è una metrica Core Web Vitals, cattura la prima impressione dell’utente dell’interattività e della reattività di un sito. 

Misura il tempo che intercorre tra la prima volta in cui un utente interagisce con una pagina e il momento in cui il browser è effettivamente in grado di rispondere a tale interazione. 

FID è una metrica di campo e non può essere simulata in un ambiente di laboratorio. È necessaria una vera interazione dell’utente per misurare il ritardo di risposta

Per aiutare a prevedere il FID in laboratorio, google consiglia il Total Blocking Time (TBT).

Misurano cose diverse, ma i miglioramenti nella TBT di solito corrispondono ai miglioramenti nella FID.

La causa principale di un FID scadente è l’esecuzione JavaScript pesante.

L’ottimizzazione del modo in cui JavaScript analizza, compila ed esegue sulla tua pagina web ridurrà direttamente il FID.

Che cos’è un buon punteggio CLS?

CLS misura la somma totale di tutti i punteggi dei singoli spostamenti di layout per ogni spostamento imprevisto del layout che si verifica durante l’intera durata della pagina.

Uno spostamento del layout si verifica ogni volta che un elemento visibile cambia la sua posizione da un fotogramma al successivo. (Vedi sotto per i dettagli su come vengono calcolati i punteggi dei singoli spostamenti di layout .)

Per fornire una buona esperienza utente, i siti dovrebbero cercare di ottenere un punteggio CLS inferiore a 0,1 .

Per essere sicuro di raggiungere questo obiettivo per la maggior parte dei tuoi utenti, una buona soglia da misurare è il 75 ° percentile dei carichi di pagina, segmentato su dispositivi mobili e desktop.

Google ha indicato che continuerà a lavorare per migliorare lo strumento e cercherà di aggiungere nuove metriche.

Simone Stoppioni
Latest posts by Simone Stoppioni (see all)

Chi sono Simone Stoppioni

Content Creator e Consulente SEO. Vive a Fuerteventura (Isole Canarie - Spagna) dove ha fondato la Confucionet. Svolge consulenza ad aziende Italiane e Spagnole curandone la loro presenza On-line.